Codice Etico

Codice Etico 2019-04-11T11:39:04+02:00

I. PREMESSA

Il presente documento, denominato Codice Etico (di seguito, anche “Codice”), contiene i principi etici e le regole generali che, parimenti a quelle legali, regolamentari, contrattuali e dei precetti di cui al modello organizzativo predisposto ai sensi del D.Lgs. 231/2001, caratterizzano l’attività e l’organizzazione aziendale del Gruppo L’ASTRAGALO S.r.l.
Tali principi e regole devono essere rispettate dagli amministratori, dai dipendenti, dai collaboratori e da tutti coloro che agiscono in nome e per conto di ogni Società del Gruppo e da tutti coloro operano e/o intrattengono rapporti con le stesse.

II. AMBITO DI APPLICAZIONE E DESTINATARI

Le disposizioni del presente Codice Etico sono vincolanti per l’organo amministrativo e i sindaci (se nominati), per tutte le persone legate da rapporti di lavoro subordinato con le Società del Gruppo e per tutti coloro che operano, a qualsiasi titolo e anche temporaneamente, con le stesse. Tal soggetti sono identificati come i “Destinatari” del Codice Etico.

III. PRINCIPI GENERALI

Rispetto delle norme giuridiche
Tutte le Società del Gruppo, i loro dipendenti e tutti i collaboratori interni ed esterni devono rispettare tutte le leggi e le norme vigenti in ciascun Paese o contesto ove essi operino. Nessun obiettivo delle società può essere perseguito né realizzato in violazione delle leggi.
Qualsiasi violazione di norme giuridiche, cui possa conseguire un rischio di coinvolgimento delle Società del Gruppo, deve essere immediatamente interrotta e comunicata all’organismo aziendale e di vigilanza di competenza.

Onestà e correttezza
Tutti i soggetti che operano all’interno delle Società del Gruppo e, in generale, tutti i suoi collaboratori, sono tenuti a rispettare con diligenza le leggi vigenti e il presente Codice Etico nonché ad improntare il proprio comportamento in base ai principi di correttezza, trasparenza e professionalità. In nessun caso il perseguimento dell’interesse e/o comunque del vantaggio delle Società del Gruppo può giustificare una condotta non onesta o non corretta.

Imparzialità
Nei rapporti interni e con tutti i portatori di interessi che interagiscono con la propria attività, il Gruppo opera nel pieno rispetto delle caratteristiche personali di ognuno, incentivando e premiando l’integrità ed il senso di responsabilità, rispettando le diversità e ripudiando ogni possibile discriminazione di qualsiasi natura.

Potenziale conflitto di interessi
Deve essere evitata ogni situazione o attività che possa condurre a conflitti di interesse o a condizionamenti estranei all’interesse del Gruppo.
L’esistenza di eventuali situazioni di conflitto d’interesse, anche potenziale, deve essere comunicata al superiore gerarchico e gestita secondo la procedura di Gruppo. La segnalazione è richiesta anche per i casi dubbi.

A titolo esemplificativo, ma non esaustivo, sono considerate situazioni di conflitto di interesse:

  • la strumentalizzazione della propria posizione per la realizzazione di interessi propri o di terzi contrastanti con quelli delle Società del Gruppo
  • l’utilizzo di informazioni acquisite nello svolgimento di attività lavorative a vantaggio proprio o di terzi
  • il possesso di partecipazioni finanziarie, di cointeressenze o di interessi con fornitori, clienti o concorrenti
  • ricoprire cariche o incarichi di qualunque genere (Amministratore, Sindaco, Revisore, consulente) presso fornitori, clienti, concorrenti

In caso di dubbio o di impossibilità a risolvere il conflitto d’interesse l’operazione deve essere sospesa e deve essere comunicata all’Organismo di Vigilanza.

Riservatezza
Il Gruppo garantisce ai propri clienti e a tutti gli stakeholders in generale, la riservatezza su tutte le informazioni in proprio possesso e vieta a tutti i propri collaboratori (interni ed esterni) di utilizzare tali informazioni per scopi non connessi all’esercizio della propria attività professionale e/o divulgare indebitamente informazioni riservate.

Rispetto delle risorse umane
Il rispetto dei diritti inviolabili dell’uomo è essenziale. Per questo il Gruppo promuove e difende questi diritti in ogni circostanza e ripudia qualsiasi discriminazione fondata sul sesso, sull’etnia, sulla lingua, sul credo religioso e politico e sulle condizioni sociali e personali. Il Gruppo fa suoi i principi posti nella Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo, nella Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza e all’Organizzazione Internazionale del Lavoro, nonché la Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali. E forse anche alla Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo I Destinatari, nella diffusione al pubblico di informazioni e notizie, devono agire nel rispetto dei diritti umani e assicurare la necessaria tutela dei minori. Il Gruppo L’Astragalo incoraggia e promuove la parità di opportunità tra donne e uomini.
Pertanto tutti i Destinatari contribuiranno alla creazione di un ambiente di lavoro che favorisca il raggiungimento degli obiettivi aziendali mediante:

  • la selezione e la valutazione del personale, che è effettuata in base a criteri oggettivi fondati sulla corrispondenza dei profili professionali e delle competenze dei candidati rispetto alle esigenze aziendali e nel rispetto delle pari opportunità dei candidati
  • l’assunzione del personale in conformità alle tipologie contrattuali previste dalla normativa ed ai contratti collettivi nazionali di lavoro applicabili
  • la promozione della cultura della salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, nonché il pieno rispetto della normativa in materia applicabile e dei più elevati standard di riferimento e misure di prevenzione e protezione
  • la strutturazione di un sistema di remunerazione definito in base al ruolo dei dipendenti e alle capacità e competenze che lo stesso richiede, nonché al confronto continuo e sistematico con il mercato esterno di riferimento
  • l’osservanza dei diritti previsti dalla Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo, unitamente al rifiuto dello sfruttamento del lavoro minorile e alla piena tutela dei diritti del lavoratore, delle libertà sindacali e dei diritti di associazione
  • lo sviluppo delle capacità e delle competenze di ciascun dipendente; • l’adozione di criteri di merito, di competenza o comunque di carattere professionale
  • il rispetto della personalità, dell’integrità psico-fisica, della sensibilità e della dignità di ciascuno, senza pregiudizi, discriminazioni o atteggiamenti comunque lesivi

Sicurezza e salute
Il Gruppo si impegna a diffondere e consolidare una cultura della sicurezza sviluppando la consapevolezza dei rischi, promuovendo comportamenti responsabili da parte di tutti i collaboratori; inoltre opera per preservare, soprattutto con azioni preventive, la salute e la sicurezza dei lavoratori, nonché l’interesse degli altri stakeholder.
Obiettivo del Gruppo L’Astragalo è proteggere le proprie risorse umane, patrimoniali e finanziarie, ricercando costantemente le sinergie necessarie non solo all’interno delle Società, ma anche con i fornitori, i clienti e tutti i soggetti coinvolti nella propria attività.

A tal fine il Gruppo realizza interventi di natura tecnica ed organizzativa, attraverso:

  • l’introduzione di un sistema integrato di gestione dei rischi e della sicurezza
  • una continua analisi del rischio e della criticità dei processi e delle risorse da proteggere
  • l’adozione delle migliori tecnologie
  • il controllo e l’aggiornamento delle metodologie di lavoro
  • l’apporto di interventi formativi e di comunicazione

Trasparenza e completezza dell’informazione
I Destinatari del presente Codice sono tenuti a dare informazioni complete, trasparenti, comprensibili, accurate e veritiere, in modo tale che, nell’impostare i rapporti con l’azienda, gli stakeholder siano in grado di prendere decisioni autonome e consapevoli degli interessi coinvolti, delle alternative e delle conseguenze rilevanti.

Concorrenza
Il Gruppo L’Astragalo riconosce che una concorrenza corretta, libera e leale costituisce un fattore decisivo di crescita e di costante miglioramento dell’impresa.

IV. CRITERI DI CONDOTTA
REGOLE GENERALI

Procedure e deleghe

Il sistema di deleghe e procure del Gruppo deve essere caratterizzato da elementi di “sicurezza” ai fini della prevenzione dei reati (ovvero di rintracciabilità delle operazioni sensibili) e, nel contempo, consentire una gestione efficiente dell’attività aziendale. Solo i soggetti che sono dotati di relativa procura possono impegnare le Società all’esterno. Ciascuna delega a valenza interna definisce in modo specifico ed inequivoco i poteri del delegato, precisandone i limiti, nonché il soggetto (organo o individuo) cui il delegato riporta gerarchicamente.

Omaggi e regalie
Non è ammessa alcuna forma di regalo che possa anche solo essere interpretata come eccedente le normali pratiche commerciali o di cortesia, o comunque rivolta ad acquisire trattamenti di favore nella conduzione di qualsiasi attività collegabile alle Società del Gruppo. In particolare, è vietata qualsiasi forma di regalo a funzionari pubblici e privati italiani ed esteri, che possa indurre ad assicurare un qualsiasi vantaggio alle Società del Gruppo.
In ogni caso, ciascuna Società del Gruppo si astiene da pratiche non consentite dalla legge, dagli usi commerciali o dai codici etici – se noti – delle aziende o degli enti con cui ha rapporti.
I regali offerti – salvo che siano di natura e valore tali da non compromettere l’immagine delle Società del Gruppo e da non poter essere interpretati come finalizzati ad ottenere un trattamento di favore – devono essere documentati in modo adeguato per consentire eventuali verifiche e autorizzati da parte dei soggetti responsabili.
I Destinatari non devono accettare o cercare di ottenere dai partner commerciali e dai consulenti omaggi e benefici di qualsivoglia natura, se non in linea con gli usi sociali e con la prassi aziendale e purché di modico valore e comunque tali da non compromettere l’integrità e la reputazione di una delle parti e da non influenzare l’autonomia di giudizio del Destinatario.
Qualora i Destinatari ricevano omaggi o benefici non previsti dalle fattispecie consentite, sono tenuti, secondo le procedure stabilite, a darne comunicazione alle Società del Gruppo che ne valuta l’appropriatezza.

Uso delle risorse aziendali di Gruppo
Ogni Destinatario è responsabile della protezione e della conservazione delle risorse aziendali a lui affidate per l’espletamento dei propri compiti, nonché del loro utilizzo in modo appropriato e conforme ai fini aziendali e alle procedure aziendali che ne regolano l’utilizzo.
In particolare ogni Destinatario deve: operare con diligenza nell’impiego delle risorse aziendali a lui affidate; evitare utilizzi impropri delle risorse aziendali che possano essere causa di illeciti, danni o riduzione di efficienza, o comunque in contrasto con l’interesse dell’azienda; ottenere le autorizzazioni necessarie nell’eventualità di un utilizzo della risorsa al di fuori dall’ambito aziendale; rispettare rigorosamente le procedure aziendali che ne regolano l’uso e la normativa di riferimento applicabile, particolarmente quella attinente il software o, in genere, la tutela delle opere dell’ingegno; improntare l’uso delle risorse ai più elevati livelli di sicurezza, decoro e rispetto della sensibilità altrui.

Tutela dell’ambiente
Il Gruppo L’Astragalo considera l’ambiente un bene primario. A tal riguardo, anche in considerazione dei diritti delle generazioni future, il Gruppo si impegna a diffondere e consolidare una cultura dell’ambiente attraverso una programmazione delle proprie attività, in modo che queste siano svolte nel giusto equilibrio che deve intercorrere tra la libertà di iniziativa economica e le attuali imprescindibili esigenze ambientali.
Inoltre, al fine di sensibilizzare tutti i Destinatari riguardo alle tematiche ambientali e di incolumità pubblica, predispone opportuni e costanti interventi formativi e informativi.
Infine, in un ottica di rispetto dell’ambiente e di incolumità pubblica, opera affinché si adottino tutti i presidi necessari per il miglioramento continuo dei processi e la minimizzazione dei rischi potenziali in materia ambientale.
Il Gruppo opera in tal senso anche attraverso una marcata sensibilizzazione e il costante coinvolgimento di tutti i soggetti interessati dalla propria attività: fornitori, partner, consulenti e clienti.

REGOLE DI COMPORTAMENTO NELL’INFORMATIVA AMMINISTRATIVA E CONTABILE

Tutte le Società del Gruppo L’Astragalo si adoperano per mantenere un sistema amministrativo-contabile affidabile al fine di predisporre e pubblicare dati economici e finanziari accurati e completi per una rappresentazione chiara, veritiera e corretta dei fatti di gestione.
L’informazione contabile deve essere fondata su principi di trasparenza, vale a dire su verità e completezza dell’informazione di base e delle successive registrazioni.
Inoltre le Società del Gruppo, si adoperano per l’istituzione e l’utilizzo di idonei strumenti per identificare, prevenire e gestire i rischi di qualsivoglia natura, le frodi e i comportamenti scorretti.
I Destinatari sono tenuti a collaborare affinché i fatti di gestione siano rappresentati in modo completo e fedele nella contabilità.
Per ogni operazione è conservata agli atti un’adeguata documentazione di supporto, volta a consentire:

  • l’agevole verifica e ricostruzione contabile
  • la ricostruzione accurata dell’operazione
  • l’individuazione dei diversi livelli di responsabilità

Ciascuna operazione deve riflettere quanto evidenziato nella documentazione di supporto.
Le registrazioni contabili, le informazioni economiche e finanziarie non possono essere trasmesse o divulgate a terzi senza autorizzazione della funzione aziendale competente.

REGOLE DI COMPORTAMENTO NELLE RELAZIONI COMMERCIALI

Le Società del Gruppo L’Astragalo si ispirano, nei rapporti commerciali di qualsiasi natura, ai principi di lealtà, correttezza, trasparenza e apertura al mercato. I dipendenti ed i collaboratori esterni le cui attività, anche di fatto, siano a qualsiasi titolo riferibili alle Società del Gruppo dovranno seguire comportamenti etici e legali negli affari di interesse della stessa.
Ciascuna Società del Gruppo richiede a tutti i propri interlocutori commerciali (clienti, fornitori di beni e servizi, ecc.) il rispetto dei principi etici richiamati nel presente Codice Etico.
In tutti i contratti di fornitura sono richiamate le norme contenute nel Codice Etico che il Fornitore deve esplicitamente e formalmente accettare, pena la nullità dell’accordo.
I Fornitori sono tenuti ad osservare un comportamento rispettoso delle norme di legge e delle norme del presente Codice. Il mancato rispetto del Codice Etico e delle norme di legge da parte del Fornitore determinano l’immediata rescissione unilaterale del rapporto contrattuale.
Nessuna Società del Gruppo intrattiene rapporti commerciali con soggetti (persone fisiche o giuridiche) che si sappia o si abbia ragione di sospettare facciano parte o svolgano attività di supporto in qualsiasi forma a favore di organizzazioni criminose di qualsiasi natura.

La selezione delle controparti negoziali
Nella scelta delle controparti negoziali i Destinatari, in ragione del proprio ruolo e responsabilità, devono applicare criteri obiettivi e documentabili, ricercando il massimo vantaggio competitivo per le Società del Gruppo, sulla base della qualità e del prezzo del bene o servizio, nonché la garanzia o l’assistenza, senza alcuna discriminazione tra le potenziali alternative e offerte concorrenti.
Ai Destinatari è fatto divieto di fornire collaborazione o supporto, seppure indiretto, a condotte non oneste o potenzialmente illecite da parte dei partner commerciali e dei consulenti.
I Destinatari non devono accettare o cercare di ottenere dai partner commerciali e dai consulenti omaggi e benefici di qualsivoglia natura, se non in linea con gli usi sociali e con la prassi aziendale e purché di modico valore e comunque tali da non compromettere l’integrità e la reputazione di una delle parti e da non influenzare l’autonomia di giudizio del Destinatario.
I Destinatari, in ragione del proprio ruolo e responsabilità, si assicurano che i partner commerciali e i consulenti operino conformemente alle normative applicabili e, più in generale, con i principi di tutela della persona, della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro e dell’ambiente. I Destinatari cooperano, inoltre, con le funzioni aziendali incaricate di accertare l’impegno da parte dei prestatori di lavoro autonomo, dei fornitori e dei partner al rispetto della normativa applicabile e del presente Codice Etico.
Nelle transazioni commerciali è richiesta ed imposta, anche in conformità a protocolli specifici, particolare accortezza nella ricezione ed erogazione di somme di denaro, beni o altra utilità.

REGOLE DI COMPORTAMENTO NEI RAPPORTI CON LE PUBBLICHE ISTITUZIONI E I PUBBLICI FUNZIONARI
Le Società del Gruppo, gli Organi sociali, gli Amministratori, e tutti i dipendenti, i consulenti e collaboratori, gli agenti, i procuratori ed in genere i soggetti terzi che agiscono per conto del Gruppo L’Astragalo nei rapporti con la Pubblica Amministrazione, ispirano ed adeguano la propria condotta al rispetto dei principi di legalità, correttezza e trasparenza. I soggetti a cui sono attribuite funzioni di rappresentanza nei confronti della Pubblica Amministrazione, o dei funzionari stranieri o appartenenti ad organizzazioni internazionali, devono altresì valutare, nell’ambito di eventuali problematiche insorte nei procedimenti amministrativi, la necessità di ricorrere alle tutele previste a fronte dei comportamenti illegittimi della Pubblica Amministrazione, contribuendo così alla tutela dell’imparzialità e del buon andamento cui è tenuta la Pubblica Amministrazione medesima. I contatti con la Pubblica Amministrazione, italiana, comunitaria o straniera, sono limitati a chi è formalmente incaricato dalle Società del Gruppo mediante idonea lettera d’incarico, mandato e/o procura, generale o speciale, a trattare o ad avere contatti con tali amministrazioni, funzionari pubblici, enti, organizzazioni e/o istituzioni. In tali atti di incarico devono essere indicati il contenuto ed i limiti dei poteri concessi.
Il Gruppo L’Astragalo condanna qualsiasi comportamento, da chiunque per suo conto posto in essere, consistente nel dare, offrire o promettere, direttamente od indirettamente, denaro od altre utilità a Pubblici Ufficiali e/o Incaricati di Pubblico Servizio, italiani o stranieri, neppure se da ciò possa conseguirne per le Società del Gruppo un interesse o vantaggio.
Omaggi e atti di cortesia sono consentiti (nell’ambito di quanto precisato nel presente Codice Etico con riferimento ai criteri generali di condotta) solo se di modico valore e comunque tali da non compromettere l’integrità e la reputazione delle parti e da non poter essere interpretati come finalizzati all’acquisizione impropria di vantaggi per sé o per altri.
I dipendenti o collaboratori esterni che ricevano proposte di benefici da parte di pubblici funzionari devono immediatamente riferire al proprio superiore o all’organismo aziendale di vigilanza (se dipendenti), ovvero al proprio referente aziendale (se terzi).

REGOLE DI COMPORTAMENTO NEI RAPPORTI CON LE ORGANIZZAZIONI POLITICHE E SINDACALI
Il Gruppo L’Astragalo impronta il confronto con le Organizzazioni Sindacali in senso responsabile e costruttivo, favorendo un clima di reciproca fiducia e dialogo, nella continua ricerca di proficue relazioni industriali.
I contributi eventualmente versati ai predetti enti devono essere conformi e coerenti con le leggi in vigore e devono essere registrati con accuratezza nelle scritture contabili.

V. MODALITÀ DI ATTUAZIONE DEL CODICE ETICO
Comunicazione
Il presente Codice è portato a conoscenza di tutti gli Organi sociali, dei Direttori e dei dipendenti delle Società del Gruppo L’Astragalo, dei consulenti e collaboratori, degli agenti, dei procuratori e di qualsiasi altro soggetto terzo collegato a Società del Gruppo da rapporti qualificati e di chiunque possa agire per conto delle Società anche nei rapporti con la Pubblica Amministrazione, italiana o estera. Tutti i citati soggetti sono tenuti ad apprenderne i contenuti ed a rispettarne i precetti.

Obblighi di vigilanza e informazione
Tutti i dipendenti e i collaboratori delle Società del Gruppo sono tenuti a riferire con tempestività e riservatezza ai propri superiori o ai propri referenti aziendali (se terzi) – e, se del caso, all’organismo aziendale di vigilanza – ogni notizia appresa nello svolgimento delle funzioni attribuite circa violazioni di norme giuridiche o aziendali e di quelle sancite con il presente Codice Etico che possano, a qualsiasi titolo, coinvolgere le Società del Gruppo.
I dipendenti possono segnalare ai propri superiori o all’organismo aziendale di vigilanza, in forma scritta e non anonima, ogni notizia di violazioni delle predette norme.
I responsabili operativi delle funzioni degli enti sono tenuti a vigilare sull’operato dei propri collaboratori, al fine di prevenire e far cessare qualsiasi violazione di norme, riferendosi all’organo direttivo e all’organismo aziendale di vigilanza.
I responsabili operativi di funzione devono conoscere gli atti illeciti che possono essere compiuti nelle loro aree di attività e cooperare con l’organismo aziendale di vigilanza per l’istituzione o l’aggiornamento di regole idonee a prevenirne la commissione.

Violazioni
La violazione delle disposizioni contenute nel presente Codice Etico comporta, a carico dei Destinatari responsabili di tali violazioni – laddove ritenuto necessario per la tutela degli interessi aziendali e compatibilmente con quanto previsto dal quadro normativo vigente – l’applicazione dei provvedimenti sanzionatori indicati nei Modelli 231/01 adottati dalle singole Società del Gruppo.

Entrata in vigore
Le disposizioni del presente Codice Etico entrano in vigore a decorrere dalla data di pubblicazione dello stesso.